OcchioxOcchio: faccia a faccia “storico” con Paul Rose

L’evento si è tenuto il 30 ottobre scorso, presso la sede di Ferrara: l’esperto neozelandese di lenti a contatto si è confrontato con l’applicatore Riccardo Giulianelli e con Maria Giulia Muzzi, responsabile tecnico dell’azienda di contattologia

Ne è uscita un’intervista di ben due ore a Paul Rose, durante le quali ha illustrato la sua storia e descritto gli studi compiuti, le attività che svolge ancora oggi in giro per il mondo e quali sono i suoi progetti futuri. Inoltre è stata fatta una prima applicazione su un portatore di cheratocono con le Rose K, le lac inventate dall’esperto neozelandese, che hanno subito prodotto positivi riscontri sul portatore stesso. «Abbiamo deciso di organizzare un appuntamento assolutamente inedito come format per l’ottica in Italia: senza pubblico, una sorta di tutorial, su cui ora sta lavorando un team di videomaker per ricavarne un trial da pubblicare sul sito di OcchioxOcchio, l’intervista integrale in italiano e inglese sempre sul portale e un terzo video esclusivamente in inglese per Menicon, con cui collabora la nostra società – spiegano a b2eyes.com Franca Pazzaglia e Mauro Carrieri, titolari di OcchioxOcchio - È la prima esperienza di questo tipo per noi: visto l’esito positivo, contiamo di ripeterla presto, verosimilmente entro il primo trimestre 2018, con Jacinto Santodomingo, responsabile degli studi clinici e ricercatore presso la divisione scientifica di Menicon o con altri esperti del gruppo giapponese».
Rose era già stato ospite dell’azienda ferrarese nel 2014, in occasione del secondo simposio organizzato da OcchioxOcchio. «Sta ultimando un tour europeo, ma potrebbe tornare in Europa e anche in Italia già la prossima primavera – dicono ancora Pazzaglia e Carrieri - Laureato in ben tre discipline, Matematica, Optometria e Psicologia, la prima lo ha molto aiutato nel costruire la sua linea di lenti a contatto adatta ai portatori particolari: oggi sono quasi cento i paesi nel mondo che vendono le Rose K, realizzate da 22 produttori, alcuni dei quali sono stati rilevati da Menicon, che ha acquisito anche il brevetto di queste lenti e il know how e la consulenza del suo ideatore. OcchioxOcchio le distribuisce in esclusiva per gli applicatori italiani con il materiale Menicon Z e detiene anche l’esclusiva nazionale della distribuzione di una serie di prodotti Menicon per la manutenzione» (nella foto, da sinistra, Muzzi, Rose, Pazzaglia, Giulianelli e Carrieri durante l’evento del 30 ottobre).
A.M.