Oliver Peoples, in “conversazione” con la creatività

Nella sua ultima campagna l’housebrand di Luxottica mette in luce i catalizzatori delle forze capaci di spingere otto personaggi, che spaziano dall’architettura al design passando per la musica, l’arte e la fotografia, a creare

Con la partecipazione di otto talenti d’eccellenza, pionieri nei relativi campi, In Conversation di Oliver Peoples si presenta come una meditazione sul processo creativo. «In quattro scene diverse, i talenti dialogano tra loro offrendo allo spettatore uno spaccato delle rispettive doti artistiche, scavando tra ispirazioni e aspirazioni per rivelare otto prospettive geniali, ciascuna a modo proprio - si legge in una nota di Luxottica - La sequenza non si limita a delineare un ritratto esteticamente e intellettualmente accattivante di ciascun personaggio, ma offre anche una migliore comprensione della loro pratica artistica». 
Girata nella cornice della Harpel House di John Lautner, storica residenza hollywoodiana, la campagna mette a confronto personalità che rispecchiano e al tempo stesso ispirano il brand: talenti che, come Oliver Peoples appunto, «fissano nuovi standard, puntando costantemente a creare qualcosa che ispiri e duri nel tempo», prosegue il comunicato. I protagonisti sono l’editor Dorian Grinspan (nella foto), l’art dealer e consulente Lawrence Van Hagen, la coppia di designer parigini Hugo Sauzay e Charlotte de Tonnac, fondatori dello studio Festen Architecture, l’artista Tasya van Ree, il curatore Jordan Watson, la cantautrice Lianne La Havas e la pop star emergente Cyn.
(red.)