Paris Fashion Week: l’eyewear si abbina ad abiti seducenti

Per la settimana della moda parigina, terminata il 3 ottobre, che ha chiuso dopo New York, Londra e Milano il ciclo delle sfilate primavera estate 2018, molti capi iperfemminili e numerosi occhiali dalle linee non esagerate

Più che di una tendenza per le sfilate di Parigi si può parlare di controtendenza. Nel senso che in un momento in cui uomo e donna spesso si confondono in passerella, qui c’è stata un’esplosione di femminilità. Un inno alla seduzione con le dovute eccezioni. Si sono visti capi tipicamente da lavoro trasformati in pezzi sofisticati e donanti. È il caso di Valentino con i cargo o di Stella McCartney con la tuta da operaio.  Hermès propone stampe del mondo dell’equitazione ma per morbidi abiti in seta. Da Dior Maria Grazia Chiuri invita le donne a essere sempre più libere e autonome, ma le veste con maliziosi miniabiti, gonne seducenti che si aprono sul davanti, conturbanti cappelli con veletta e stivali di rete. Difficile dire se gli occhiali si adeguano. Sono essenziali quelli di Miu Miu che unisce pizzo a tessuti maschili. Scuri, quadrati ma di misura contenuta gli occhiali per le ragazze da discoteca di Paco Rabanne. Grandi, invece, e tondi quelli per la femme fatale di Guy Laroche che ha una predilezione per il nero e il nude look. Sono geometrici, in acetato con stampe di vari colori, quelli di Carven che presenta capi freschi e mixabili. Leggermente a mascherina, e spesso con profili rossi, le montature da Stella McCartney che punta sulle forme ampie e sui materiali ecosostenibili. Occhiali solo per gli uomini da Andreas Kronthaler per Vivienne Westwood. Per gli occhi delle ragazze trucchi incredibili, in linea con lo spirito provocatorio della collezione (nella foto, da sinistra, Stella McCartney e Carven) .
(Luisa Espanet)