Anche l’ottica coinvolta nel Dea Day

Cresce l’entusiasmo a Bergamo e provincia per la storica finale di Coppa Italia, in programma stasera a Roma contro la Lazio, per cercare di bissare l’unico successo, datato 1963

Non ce ne vogliano i tifosi della società biancazzurra, abituata a palcoscenici di questo tipo e che per di più gioca nella propria città: la protagonista della finale di stasera è l’Atalanta, nota ai tifosi come Dea, con tutta Bergamo e la sua provincia coinvolte. Al punto che oggi molti esercizi commerciali, come ha riportato lunedì scorso La Gazzetta dello Sport, o tengono aperto fino a tarda notte, in particolare bar e ristoranti, oppure addobbano di nerazzurro le loro vetrine o, addirittura, chiudono “per giusta causa”, come un negozio di ortofrutta di Albino.
E l’ottica, come si pone di fronte a questo appuntamento? Oggi nel punto vendita Marziali e Farneti di via Zambonate, nel cuore della città, vengono esposte una maglia dell’Atalanta e una della Lazio, in puro stile par condicio. Anche se il numero uno del gruppo ottico, quattordici negozi tra diretti e indiretti, ripartiti tra le province di Bergamo, Lecco e Milano, sarà in tribuna all’Olimpico di Roma a tifare per la Dea. «Sono un abbonato e seguo abitualmente l’Atalanta – confessa a b2eyes TODAY Luca Marziali – La partita di stasera è molto importante, in città c’è attesa, ma non così spasmodica come l’hanno descritta i giornali, forse perché Bergamo è sì coinvolta emotivamente, ma non direttamente: ricordo molta più emozione quando abbiamo giocato la semifinale di Coppa delle Coppe in casa nel 1988 o quando è passato da qui il Giro d’Italia e con l’occasione abbiamo interamente colorato di rosa le vetrine del negozio di via Zambonate».
Di nerazzurro, invece, sono tinte già da ieri le vetrine di Ottica Skandia, altro centro ottico storico della città orobica. «Abbiamo esposto gadget e oggetti dell’Atalanta (nella foto) e speriamo di completare il lavoro domattina, con la bandiera italiana dentro la Coppa», racconta al nostro quotidiano Nicola Viscardi, terza generazione della famiglia proprietaria, che conduce il punto vendita insieme allo zio Roberto e al padre Giovanni, pure lui stasera sugli spalti dell’Olimpico a tifare Atalanta insieme a circa 21 mila concittadini, in arrivo da Bergamo e provincia.
Inoltre, il maxi schermo previsto per stasera sul Sentierone, che calamiterà migliaia di tifosi, verrà realizzato dal Comune in collaborazione con ItalianOptic, insegna bergamasca con otto punti vendita che, per quasi dieci anni, è stata tra gli sponsor dell'Atalanta.
A.M.