Federottica Parma: doppio appuntamento sull’ipovisione

A giugno e a settembre la territoriale emiliana punta all’interdisciplinarità con un evento suddiviso in due giornate dedicato alla low vision: vi prenderanno parte alcuni tra i maggiori esponenti di questo segmento professionale, mirando così alla collaborazione fra area tecnica e area medica

Quarta edizione per il prossimo convegno (nella foto, la locandina) organizzato da Federottica Parma, presso la Sala Congressi dell’ateneo locale: si tratta, dunque, di un appuntamento divenuto ormai tradizionale, dedicato a oculisti, ortottisti e ottici. «Ogni anno organizziamo un evento interdisciplinare grazie soprattutto al primario della Clinica oculistica di Parma, Stefano Gandolfi, che crede assolutamente nella collaborazione tra area medica e area tecnica - spiega a b2eyes TODAY Gianni Allodi, presidente di Federottica Emilia Romagna - La prima edizione era incentrata sull’ortocheratologia, la seconda sulla contattologia pediatrica, mentre la terza sul cheratocono».
E la quarta edizione approfondirà l’ipovisione. «In realtà, data la mole degli argomenti trattati, il simposio è stato suddiviso in due appuntamenti - aggiunge Allodi - Il primo il 28 giugno, mentre il secondo è previsto il 20 settembre».
Diverse le sessioni di giugno, dalla riabilitazione funzionale del bambino ipovedente e dell’adulto, passando da propedeutica e metodologia, alla pratica e agli strumenti a disposizione, sino agli aspetti medico legali, per concludersi con la riabilitazione relazionale sempre nel soggetto adulto. Gli stessi temi, declinati sull’ipovedente bambino e sulla riabilitazione anatomica saranno, invece, trattati nell’appuntamento del 20 settembre.
Una ventina i relatori che parteciperanno al simposio sia medici oculisti, tra cui lo stesso Gandolfi, sia specialisti dell’ipovisione, come l’oftalmologo Roberto Volpe, presidente di Prisma, o, per l’area tecnica, Silvano Abati, direttore di Sioo, e Roberto Iazzolino, solo per citarne alcuni.
F.T.